Utilizziamo i cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Cliccando OK accetta l’uso dei cookie. Può conoscere i dettagli consultando la nostra policy qui. 

Dixit Dominus RV 595

Ed. critica M. Talbot - Riduzione per canto e pianoforte di A. Frigé

INSTRUMENT GROUP: Musica vocale
COMPOSITORE: Antonio Vivaldi
ARTISTA: Ricordi
TIPO PRODOTTO: Riduzione per canto e pianoforte
Il Dixit Dominus RV 595 di Antonio Vivaldi, pur possedendo alcune caratteristiche in comune con la sua più nota intonazione dello stesso testo liturgico, RV 594, fra cui l’adozione della stessa tonalit d’impianto e altri particolari minori, per altri aspetti se ne discosta in maniera assai
€ 13,07
IVA incl.
Special order Low stock Disponibile
Spedito in 24 ore
Questo prodotto non può essere ordinato al momento
Not available in your region.
Specifiche
Subtitle Ed. critica M. Talbot - Riduzione per canto e pianoforte di A. Frigé
Instrument Group Musica vocale
Compositore Antonio Vivaldi
Artista Ricordi
Organico Vocal and Piano Reduction
Tipo prodotto Riduzione per canto e pianoforte
Style Period Baroque
Anno di pubblicazione 2017
Genre Musica religiosa
Style Baroque
ISBN 9788881920310
ISMN 9790041416229
Style Period Baroque
Collana UMPC Critical Editions
Numero di pagine 88
No. CP 14162200
Release Date 13/11/2017
Descrizione
Il Dixit Dominus RV 595 di Antonio Vivaldi, pur possedendo alcune caratteristiche in comune con la sua più nota intonazione dello stesso testo liturgico, RV 594, fra cui l’adozione della stessa tonalit d’impianto e altri particolari minori, per altri aspetti se ne discosta in maniera assai considerevole. Anzitutto, il brano utilizza un organico indiviso (vale a dire, non ripartito «in due cori» distinti): in secondo luogo, essendo databile attorno al 1715, si colloca all’inizio dell’attivit compositiva di Vivaldi nel genere sacro, anziché appartenere a un periodo posteriore. Da un punto di vista estetico, inoltre, esistono delle evidenti similitudini fra RV 595 e le dueintonazioni vivaldiane del Gloria, RV 588 e RV 589. Tre degli undici movimenti di cui il Dixit è costituito rielaborano, infatti, del materiale musicale preso a prestito da altri compositori: in due casi si tratta di singoli movimenti di brani di autori ignoti appartenuti all’archivio personale di Vivaldi: nel terzo caso di un madrigale (ben camuffato) di Antonio Lotti, pubblicato nel 1705. Tutti gli imprestiti sono integrati all’interno della struttura del brano in modo così efficace da non pregiudicare il carattere unitario dell’intonazione. Fra i momenti più riusciti di RV 595 vale la pena di menzionare almeno i due movimenti inziali (l’uno vivace e l’altro più intensamente contemplativo) e il quarto, «Tecum principium», con il dialogo che s’instaura fra i due violoncelli obbligati e la coppia dei soprani. Questo Dixit Dominus, trasmesso in un unico testimone custodito a Praga, appartiene di diritto ai più riusciti saggi compositivi vivaldiani di ampie proporzioni nel genere vocale sacro. L’Introduzione e le Note critiche di questa riduzione per canto e pianoforte si rifanno all’Edizione critica di Michael Talbot, pubblicata nel 1993.
    Caricamento
    Caricamento